La luce bianca emanata dai fiori del Biancospino

I fiori bianchi delle piante esaltano la luce naturale, quindi fanno risaltare le illuminazioni nei giardini, in casa, nei parchi; si risparmia così dell’energia elettrica. Il Biancospino è un arbusto alto anche 3 metri della famiglia Rosacee: ha 5 petali bianchi e numerosi stami di colore rosso.
Altre piante con i petali bianchi sono numerose: ciliegio, rosa bianca, calle, stramonio, gardenia, margherita, arancio, limone, melo, ibisco, peonia. Ci sono anche piante tossiche che hanno il fiore bianco. La pianta è ornamentale, medicinale e alimentare; inoltre ha funzione industriale e artigianale il suo legno.
Le piante posseggono anche un valore simbolico, cioè il significato e la rappresentazione che acquisisce secondo la nostra sensibilità, la storia della pianta, la sua distribuzione geografica; pertanto c’è un significato mitologico e un significato che proviene da volumi antichi.
Il colore bianco dei fiori e quindi anche del Biancospino, esprime speranza per il tempo futuro, fiducia in genere; rappresenta la purezza, verginità, nobili sentimenti, voglia di cambiamento; evoca la spiritualità, la divinità; è il colore sia della stagione estiva che della stagione invernale; rappresenta ancora il freddo, il silenzio, il colore puro e immacolato; nella cultura Occidentale spesso viene utilizzato nelle cerimonie religiose.
I letterati e i pittori ugualmente ne descrivono le proprietà e ne disegnano i caratteri; ad esempio, ci sono poesie di Giosuè Carducci, di cui una recita: oltre la siepe, dell’odoroso biancospino fiorita, che guardi tra i Sambuchi ad Oriente. La poesia di Giovanni Pascoli “La siepe” recita: qualche bacca sui nudi ramoscelli del Biancospino trema nel viale gelido.
Per il melo con i fiori bianchi, scrive Marcel Proust in “Alla ricerca del tempo perduto”: mi accade di comprare dal fioraio un ramo di melo, e di passare poi la notte davanti ai suoi fiori, dove sbocciava la stessa essenza cremosa, che incipriava ancora, con la schiuma i germogli delle foglie, e tra le cui bianche corolle, sembrava che il negoziante, avesse aggiunto un bottoncino rosa, in quanto le gemme sono di colore rosa. La pittrice Georgia O’Keeffe dipinse diverse corolle bianche di stramonio ingrandite, perché l’ingrandimento del fiore aumenta l’importanza delle esperienze che rappresenta.

In sintesi: luce naturale-legno-simbolico-purezza-La siepe-stramonio.

23-03-2017
Dottor Renzi Fabio, farmacista

Precedente Il cibo in naturopatia Successivo L'ape: un piccolo laboratorio biologico